Vuoi saperne di più?

Leggi le domande frequenti.

Se il dipendente ha compiuto i 65 anni di età anagrafica ed ha maturato il previsto requisito per andare in pensione (anticipata), l’amministrazione d’appartenenza deve far cessare il rapporto d’impiego.

 

D.

Un dipendente ministeriale che matura 42 anni di servizio nell’anno in corso, e che ha riscattato il servizio militare ed ha compiuto 65 anni, può restare in servizio ancora altri due anni, fino al compimento di 67 anni?

R.

Il dipendente pubblico non può proseguire il servizio fino ai 67 anni di età se, avendo compiuto i 65 anni ha maturato il previsto requisito per andare in pensione (anticipata). La legge 92/2012 (riforma Fornero) non ha infatti modificato il regime del previsto limite d’età in 65 anni, il quale resta vincolante per tutti i dipendenti pubblici.

Al momento del raggiungimento dell’anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi, requisito previsto per la pensione anticipata (uomini) a cui si deve aggiungere la prevista finestra di tre mesi, articolo 15, comma 1 , legge 26/20219, l’amministrazione d’appartenenza deve quindi far cessare il rapporto d’impiego, se nel frattempo il dipendente ha compiuto i 65 anni di età anagrafica.

ELABORAZIONE 31/08/22

ULTIMA MODIFICA 4/09/22